XIV WFC 2015 - What is the state of health of the forests?

XIV WFC 2015 - What is the state of health of the forests?

CONSERVATION OF ENVIRONMENTAL SPECIES

WFC 2015
What is the state of health of the forests?

The 14th World Forest Congress, which was held from 7 to 11 September in Durban in South Africa, was the first congress on the subject held in South Africa which had as its central theme the state of health of the world's forests.
The objective of the XIV World Forest Congress was to provide an overview of the condition of the world's forests, to propose solutions, be they scientific, technical or political, to promote and safeguard the sustainability of forests and the planet.

Forests are essential for all of us, for the life of the entire world system, for biodiversity, for their mitigating function of climate change, for the eco-sustainability of every form of life, be it human, animal or plant. Unfortunately, however, forests are increasingly endangered, threatened by man, population growth and climate change caused by pollution, such as the increase in greenhouse gases released into the atmosphere.

he latest FAO report states that 129 million hectares of forest have been lost since 1990. However, there would be a positive side to the matter, which is that deforestation would be decreasing. According to the study The Global Forest Resources Assessment 2015 it is estimated that if in 1990 the forests represented 31.6% of the world territory, today instead their percentage has decreased, they represent 30.6%. What is striking is that deforestation would instead be decreasing, perhaps thanks to greater sensitivity on the issue and greater attention on the part of the legislations that want to make local communities increasingly attentive to forest protection.

The nations that have lost the largest share of forest - around 2 million hectares - are Africa and South America. Deforestation would have affected tropical areas more, while in more temperate ones there would have been an increase in forest areas.

Primary forest areas that preserve biodiversity represent 13% of the total. Defending the world's forests is an issue that should concern everyone. Forests and trees (whose number is increasingly decreasing) are fundamental for everyone and the increasing pollution and carelessness are risking to endanger the future of the planet and therefore of all of us. More attention would be needed.

Silvia Buda


XIV WFC 2015 - What is the state of health of the forests?

David Wallace-Wells' book “The uninhabitable land. A story of the future "effectively tells what science says about the state of health of the planet and what is the future that the growing environmental deficit will reserve for humanity, in the event that it is not provided, on a global level, to interrupt the process of deterioration of the climate. Even net of the many uncertainties that characterize the current state of knowledge of the phenomenon, "scientific research - says Wallace-Wells - speaks very clearly, and with frankly terrifying clarity".

At present, according to the author, the most reliable assessments of the state of the climate and its probable evolution are those formulated in a recent "Report", edited by the "Intergovernmental Group on Climate Change of the United Nations", according to which if they are not taking immediate decisions to solve the problem of greenhouse gas emissions into the atmosphere (responding to the commitments made in 2015 with the Paris agreement, which have remained unobserved until now) it is likely that, during this century, the average temperature of the planet will increase of 3.2 degrees, equal to three times the rise recorded after the start of the Industrial Revolution. Even if the increase in temperature were contained within the limits of 2 degrees, humanity would be afflicted by an atmosphere with an excess of carbon monoxide, which would reduce the supply of oxygen to the muscles and nervous system of people.

Some repercussions of climate deterioration may seem small, but their consequences will have a global dimension and will be far-reaching even if limited, global warming will lead, for example, to the melting of permafrost, where - Wallace-Wells recalls - are stored billions of tons of carbon (more than double what is currently suspended in the earth's atmosphere) carbon which, with the thaw, will be partly released as methane. A planet with a higher temperature, as well as for people, and animal life in general, will be hostile to the life of the plant world, because it will give rise to what is called "forest decay", or the decline and retreat of forests and of woods whose extension will be equal to that of entire nations.

The belief of which mankind has been the bearer - says Wallace-Wells - is that the climate "can be governed or managed in a sensible way by any human institution or instrument currently in place". This is an illusion, if we consider that humanity, for much of its history, has only recently been characterized by the absence of a propensity for collaboration, after the destructive conflicts of the nineteenth century, it "began to build something similar to a cooperative structure ”, also open to the consideration of the problems connected with the consequences of global warming. The advent of neoliberal ideology, however, has helped to weaken the tendency to transnational collaboration for the care of the health of the globe, as that ideology has contributed to reducing the exploitation of the Earth to a positive-sum distributive game.

It thus happened that, precisely at the moment in which the international collaboration for the solution of the problems connected to the emission of greenhouse gases, which is decisive for the survival of the world, the neoliberal ideology favored a process of globalization of national economies freed from relations of supranational collaboration, the strengthening of which would have been necessary to counteract the impact on the environment and climate of the high production rates of the global economy. On the contrary, the reduction of the exploitation of the Earth to a positive-sum distributive game has promoted the propensity of nations to withdraw into the “narrow niches of nationalism”, which has removed them from the responsibility of thinking about a possible global response to the challenges of climate deterioration.

In this way, humanity's adaptation to climate change was considered in terms of trade, based on trade-offs between "emissions reductions and economic growth" in the coming decades, however, as a consequence of the cascading effects of global warming, the market is destined to go in the opposite direction, in the sense that a relative economic prosperity could, if anything, be "a benefit of more decisive action on the reduction of emissions", considering that, as has been estimated, every degree of warming costs “to a country with a temperate climate […] one percentage point of GDP”.

Are there any hopes, Wallace-Wells wonders, that nations will strengthen their collaboration to counteract the negative outcomes on humanity’s living conditions caused by global warming? In principle, there should be no obstacles in the inauguration of decisions aimed at tackling global warming, considering that it "is not a crime of the past" it is the current nations that, persevering in maintaining their high levels of production fueled by global warming. use of fossil fuels, contribute to destroying the planet, even if, at times, they are inclined to undertake the commitment to rebuild it. However, given the survival conditions to which we have now reached, it is inevitable that we face the need, without further delay, to tackle the problem of how to implement the project to unhook the entire production activity from dependence on fossil fuels, deciding in a short time to opt for one of the possible paths that the state of knowledge of the phenomena allows to follow.

According to many scientists, this decision should be made by 2040, although it cannot be excluded that nations will come to create a sort of technological "deus ex machina" that allows them to capture the carbon released into the atmosphere but even if this happens - a Wallace-Wells opinion - the "technological contraption" would stand out "on a gloomy horizon, obscured by our emissions, like an eye from a glaucoma", which will make the life of humanity characterized by widespread famines and droughts, by economies to collapse and from the crisis of the traditional way of producing.

With reference to cereals, the rule of the plant world is that with each degree of heating the production drops by about 10% which means that, if the temperature were to increase by 5 degrees at the end of the century (when, according to forecasts, the world population would increase by 50%), the planet could find itself with 50% less cereals to be used for food. The optimism of Western culture has usually rejected Malthusian forecasts about the different trend of cereal production compared to that of the population, accepting the idea of ​​a continuous growth in the production of new resources in the long run, for which production would always be able to provide for the needs of a growing population an optimism that seems out of place, considering that the drought will contribute to worsen the consequences of the increase in temperature on cereal production, since many lands of the temperate area of ​​the globe will transform in deserts.

With regard to water needs, although 71% of the planet is covered by water, fresh water represents just 2% of the entire liquid mass and only 1% is accessible to man. The rest is enclosed in glaciers which means, as the "National Geographic" estimated, that of all the water on earth only a small part is available to the approximately seven billion inhabitants for domestic and food use. In addition to domestic and food uses, however, it must be taken into account that about 70-80 percent of fresh water is used for irrigation purposes and that a further 10-20 percent is absorbed by industrial activities. Not unlike the food crisis, even the water crisis is still solvable for the moment but if global answers are lacking for a solution to the problems, the small amount of fresh water available does not leave much room for maneuver, also because it will be affected by growing climate change. .

Ever since the problem of global warming began to be debated, it has been addressed - underlines Wallace-Wells - from the point of view of salt water, focusing the problem on the melting of Arctic glaciers and on rising sea levels. that would have caused the flooding of vast proportions of coastal areas, the issue of fresh water availability has instead been constantly underestimated. The crisis affecting fresh water will create far more significant difficulties than those just mentioned in the next thirty years - underlines Wallace-Wells - an additional demand for fresh water by the world food system is expected of about 50%, 50%. -70 percent more cities and industrial activities will ask for it. All this will occur, while climate change, with the increase of drought, will contribute to decrease the supply: from the point of view of global water needs, the experts of the World Bank, in the absence of significant immediate interventions to put a limit on decrease in supply, predict that the GDP of many areas of the planet is destined to shrink, combining its negative effects with the collapse of economies around the world.

Between the end of the Cold War and the Great Eecession of 2007/2008, the belief that prevailed in the culture of much of the world consisted in the belief that economic growth would remedy all the problems raised by the environmental crisis, and by the climate crisis in particular. After 2008, however, many economists and ecologists, scholars of what they themselves call "fossil capitalism", began to argue - observes Wallace-Wells - "that the whole story of rapid economic growth that has started, a suddenly, in the eighteenth century it was not [it] the result of innovation or the dynamics of free trade, but simply the fruit of [...] the discovery of fossil fuels and all their wild power "a discovery that has revolutionized the organization of the global economic system, hitherto based on subsistence.

Although not widely shared, this thesis expresses a convincing concise perspective of interpretation of the economic history of the world. Before the discovery of fossil fuels, no one lived in better conditions than those of their ancestors subsequently, especially in Western societies, it was believed to have found the "way out" from the problem of the scarcity of resources necessary for the improvement of existential conditions . Having taken that way out, however, has led to global warming, which now has a direct cost to people's growth and health.

This is happening through two trends that global warming is helping to accelerate: on the one hand, pushing the global economy towards permanent stagnation, and on the other hand, creating environmental conditions so negative that they compromise the health of the global population. In an economic future doubly deteriorated by these trends, Wallace-Wells concludes, a decision will have to be taken, in the short term, to counter the brutal predictions of experts about the effects of global warming.

On this point, it can only be observed that the necessary decision, without alternatives, can only be based on the urgency to place a limit on the logic of continuous economic growth, hitherto assumed as the salvific mantra of humanity. In this regard, what is most worrying is the fact that, in the struggle for the survival of the planet, the calls for coordinated action aimed at containing warming have been privileged and not the discussion on how to organize the functioning of the global economy, a once freed from dependence on fossil fuels and the logic of limitless economic growth.


Compassion and the individual

Whether we are aware of it or not, there is a question that is always present in all our experiences: what is the purpose of life? I have meditated on this question for a long time and I wish to share my thoughts with you, in the hope that it will be of benefit, in a practical and direct way.


I believe the purpose of life is to be happy. From birth, every human being aspires to happiness and tries to avoid suffering. There is no culture, education or ideology that can change this fact: in the depths of our hearts, the only thing we want is happiness.

I don't know if the universe - with its countless galaxies, stars, planets - has a different purpose, what I do know is that we humans, inhabitants of the Earth, have an innate desire to live a happy existence. This is why it is important to understand what determines the highest degree of happiness.

How to achieve happiness
Every kind of happiness and every kind of suffering can be grouped into two different categories: happiness and suffering of a physical nature and happiness and suffering of a mental nature. Of the two categories, the one that has the greatest influence on each of us is the category of a mental nature. Unless we are seriously ill, or lacking the essentials to live our physical condition, it plays a fairly secondary role in our life: if our body is fine, we can even forget it! The mind, on the other hand, records every event, even the most insignificant. And it is for this reason that we should devote all our efforts to achieving peace of mind.

In my limited personal experience, I have found that it is possible to achieve a high degree of inner peace by developing love and compassion: the more we take care of the happiness of others, the more our sense of inner well-being grows.

Cultivating an authentic feeling of affection towards others automatically places our mind in a state of tranquility and this allows us to eliminate our fears and insecurities, giving us the courage and strength to face whatever obstacles life presents us. it is ultimately to be successful in life.

As long as we live in this world, we are inevitably bound to face problems. If we lose hope and allow ourselves to be overcome by despair, our ability to deal with them diminishes, but if instead - adopting a more realistic perspective - we remember that all human beings, not just us, face suffering, our determination and our own. ability to overcome them will increase. Furthermore, thanks to this attitude, we will be able to understand that any obstacle can turn into an opportunity to work on our mind.

In this way, we gradually commit to becoming more compassionate, that is, to wanting others to be free from suffering and to help make it happen. For us, the result will be the growth of our inner peace and strength.

Our need for love
If love and compassion bring us the greatest joy it is because our nature considers them above all else. The need for love is the basis of human existence and is the result of the profound interdependence that binds us to each other. However clever and intelligent a person may be, they cannot survive alone. However strong and independent we may feel in the most favorable moments of our life, when we are sick, very young or very old, we are completely dependent on the help of others.


Interdependence is therefore a fundamental law of nature: not only the most advanced forms of life, but even the smallest insects are social beings who - even without religion, laws or education - can survive thanks to an innate sense of interdependence and cooperation. .

Even the most subtle levels of existence are governed by interdependence: everything that surrounds us on our planet - oceans, clouds, forests, flowers - arises in dependence on an imperceptible intertwining of energy, in the absence of which everything perishes and disappears.

It is precisely because our human nature is so dependent on others that the need for love forms its basis. It follows, therefore, that we must cultivate a genuine sense of responsibility and sincere concern for the welfare of others.

We need to understand what we humans really are. We are not like objects produced by machines: if we were simply "mechanical" entities, then the machines themselves could ease our suffering and satisfy all our needs. But since we are not merely material creatures, it would be wrong to place all our hopes for happiness solely on material development. We need to find out who we are, our nature and our origins to understand what we actually need.

Leaving aside the complex question of the creation and evolution of the universe, we can all agree that each of us is the "product" of our parents. Our conception took place not only in the context of a sexual desire, but from the decision of our mother and father to have a child. Such a decision is based on a sense of responsibility and selflessness, since parents know they will have to take compassionate care for their child as long as they are able to look after themselves. Thus, from the exact moment of our conception, the love of our father and our mother are an integral part of our being.

During the early stages of our growth, we are completely dependent on our mother's care. According to some scientists, the mental state of a pregnant woman - calm or troubled - even has a direct effect on the physical state of the fetus.

Even at the moment of birth, the manifestations of love are equally important: since the first thing we learn to do is suck milk from the mother's breast, we naturally feel close to our mother who, in order to feed us correctly, must feel love. towards us. If he feels fear or resentment, his milk will not flow freely.

Then follows the critical period of mental development - from birth up to at least 3 or 4 years - a period in which physical and emotional contact represent the key element for the normal development of the child.


If a child is not held, cared for, pampered, if he is not loved, his growth will not be balanced and the brain will not develop properly.

Since a child cannot survive without someone's care, it is evident that love is his most important nourishment. His happiness, the comfort of his fears and insecurities, his health and self-esteem are based directly on feeling loved. Unfortunately, many children today grow up in unfortunate contexts, where they do not receive all the affection they would need, and thus growing up, in the course of their existence, it will be difficult for them to love their parents and other people. And this is very sad.

As children grow up and go to school, it is up to educators to respond to their need for attention and support. If a teacher is not satisfied with offering a purely scholastic education, but takes on the responsibility of preparing students for life, they will feel a sense of trust and respect that will leave an indelible imprint on their mind.

A teacher who, on the other hand, does not show any sincere interest in the serenity and general well-being of his students, will also leave topics he teaches a fleeting and temporary memory.

The same happens with the sick. If a person is treated by a physician who manifests human warmth, he immediately feels better and even the doctor's desire to offer the best possible care becomes therapeutic. If, on the other hand, a doctor proves detached and not very empathetic, if he is hasty or disrespectful, the patient will feel anxiety and frustration, regardless of the skill of the doctor, the accuracy of the diagnosis or the effectiveness of the medicines prescribed. All things being equal, it is therefore the feelings experienced by the patients that make the difference, influencing the quality and speed of healing.

Even in everyday life, when we chat about this and that with someone, if feelings of human warmth transpire from the tone of the voice of our interlocutor, we feel joy in listening and respond with equal sympathy. The conversation becomes pleasant, no matter how trivial the topic may be. If, on the other hand, a person speaks with coldness and detachment, we immediately feel uncomfortable and hope that the conversation will end soon.

Thus, from the smallest event to the most important, kindness and respect for others are vital to our happiness.

I recently met a group of American scientists. They told me that mental illnesses are widespread in the United States: about 12% of the population suffer from it. In the course of our discussion it emerged that the main cause of the various forms of depression is not the lack of favorable material conditions but rather the lack of affection.

So, as you can see from what I have shared with you so far, one point is clear to me: whether we are aware of it or not, our need for affection is inscribed, so to speak, in our DNA. Even an affectionate gesture received from an animal or someone that we would be led to consider our enemy, becomes for us a call from which we cannot escape.


I am deeply convinced that no human being is born free from this need for love and this demonstrates, contrary to what some modern schools of thought claim, that human beings cannot be defined by physical parameters alone. No material object, however beautiful and valuable, can make us feel loved because our deepest identity and our true essence are in the nature of the mind.

Develop compassion
Some friends of mine argue that love and compassion, however wonderful and positive, are not relevant aspects in life today. Our world, they say, is certainly not a place where these qualities have any influence or power. They also affirm that anger and hatred are so innate to the human being that they are destined to rule humanity forever. I do not agree.

We have lived on this planet for more than 100,000 years and I am convinced that, if all this time, our minds had been controlled only by anger and hatred, the world population would have progressively decreased. Today, however, despite all the wars, we continue to be more and more. This makes it clear to me that it is love and compassion that prevail. If hatred and violence occupy the front pages of the newspapers, it is because they are, in a certain sense, exceptions while compassion is an integral part of our daily life and therefore is largely ignored.

So far I have mainly considered the benefits that compassion offers to the mind, but no less are the benefits it grants to our physical well-being. From personal experience I know that mental balance and physical well-being are closely related and that anger and an out of control mind make us more vulnerable to disease, while a calm mind filled with positive thoughts will also protect our body.

If love and compassion are inherent to our being, so too are the sense of self and a certain degree of self-centeredness that make it difficult to relate to our neighbor. But since we all want true happiness, that which arises from a calm mind - which itself arises on the basis of compassion - what should we do? Obviously, just thinking about what a beautiful thing compassion is is not enough! Instead, we must make a conscious effort to develop this quality and use every moment of our daily life to transform our thoughts and behavior.

However, we must immediately be clear about what we mean by compassion. Many forms of compassion are mixed with a sense of desire or attachment. The love that parents feel for their children, for example, is often mixed with their emotional needs and therefore cannot be defined as truly "compassionate". In marriage, to cite another case, the bond between man and woman - especially at the beginning, when one does not yet know each other deeply - is more attachment than authentic love. Our desire for the other person can be so strong as to make them appear perfect, while inevitably they too will have defects and imperfections. When there is a strong attachment, we also develop a tendency to exaggerate even the smallest positive qualities of the other and so, when his attitude changes, we are surprised and disappointed and consequently also change our attitude. This kind of dynamic indicates that love has arisen more in response to a personal need than a genuine desire to take care of the other person.


True compassion, in fact, is not a simple emotional response, but a conscious commitment, based on reason. For this reason, if authentic, compassion does not fail even if the behavior of others becomes negative.

Obviously developing this kind of compassion is not easy. However, we can begin by taking into consideration some facts.

First of all, whether a person is nice and affectionate or unpleasant and unpleasant, in the end he is a human being, just like us. Like us, he wants happiness and doesn't want suffering, and his birthright to happiness is identical to ours.

Now, when we recognize that all beings are equal in the desire for happiness and in the right to obtain it, we automatically feel empathy and closeness towards them.

By accustoming our minds to this sense of universal altruism, we can develop a feeling of responsibility towards others and a desire to actively help them overcome their problems.

This desire is not selective, it manifests itself with equanimity towards everyone: since every human being experiences pain and pleasure exactly like us, there can be no logical argument to discriminate or to change our attitude towards those who perhaps behave in negative way.

Let me point out that, with persistence and time, we can indeed develop this kind of compassion. Of course, our self-centeredness, our sense of self apart from others, and our attachment to ourselves can make the task difficult, but that doesn't mean we can't start now and start making progress slowly.

Where to start
Dobbiamo innanzitutto sbarazzarci dei due principali ostacoli alla compassione: la rabbia e l'odio. Come sappiamo, si tratta di due emozioni estremamente potenti, in grado di sopraffare la nostra mente. Ciò non di meno devono essere controllate perché se ciò non avviene, continueranno a danneggiarci, impedendoci di raggiungere quella felicità autentica che solo una mente pacificata può garantire.

Cominciamo dunque con l’analizzare se la rabbia sia o meno un valore. A volte, quando siamo scoraggiati da una situazione particolarmente difficile, la rabbia sembra esserci utile, sembra darci una carica di energia, di fiducia e determinazione ed è a questo punto che dobbiamo analizzare accuratamente il nostro stato mentale. Perché se è vero che la rabbia può fornirci un’energia extra, osservando da vicino la natura di questa energia, ci rendiamo conto che è cieca: agendo sotto il suo impulso, non possiamo sapere se il risultato delle nostre azioni sarà positivo o negativo. Questo perché la rabbia oscura temporaneamente la parte migliore del nostro cervello: la razionalità. Per questo l’energia derivante dalla rabbia non è affidabile e può indurci a comportamenti distruttivi e inopportuni. Se poi la rabbia raggiunge il suo apice, ci comportiamo come dei matti, danneggiando noi stessi e gli altri.

Quando ci troviamo ad affrontare situazioni difficili, possiamo invece sviluppare un’energia altrettanto potente, ma decisamente più controllabile. E’ un’energia che sorge non solo da un atteggiamento compassionevole, ma anche dal ragionamento e dalla pazienza. Questi sono infatti gli antidoti più efficaci contro la rabbia. Sfortunatamente molte persone considerano queste qualità come segni di debolezza, mentre io sono convinto dell’esatto contrario. Compassione, buon senso e pazienza sono indice di forza. La compassione è per sua natura gentile, pacifica e mite, ma non per questo poco potente. Sono coloro che perdono facilmente la pazienza a dimostrare di essere insicuri e poco equilibrati.


Per questi motivi, secondo me, la rabbia è una manifestazione diretta di debolezza.

Quando incontriamo un problema o una difficoltà, dobbiamo cercare di rimanere umili, mantenere un atteggiamento realistico e preoccuparci di trovare una soluzione adeguata.

Può capitare che gli altri cerchino di approfittarsi di noi: il nostro atteggiamento calmo e distaccato può provocare un’aggressione ingiustificata. In questo caso, occorre adottare una certa fermezza, sempre però motivata dalla compassione, e delle contromisure non inquinate da rabbia o intenti malevoli.

Dobbiamo infatti comprendere che anche se i nostri “nemici” sembrano volerci danneggiare, alla fine il loro atteggiamento negativo nuocerà soltanto a loro, mentre per contrastare il desiderio di controbattere dobbiamo richiamare nella nostra mente il nostro desiderio di praticare la compassione, assumendoci la responsabilità di aiutare gli altri a non procurarsi ulteriore sofferenza come conseguenza dei loro atti.

Avendo dunque deciso come comportarci, grazie a una mente calma, le nostre decisioni saranno certamente più efficaci, corrette e forti. Raramente infatti una decisione presa sull’onda della rabbia cieca raggiunge il suo scopo.

Amici e nemici
Vorrei sottolineare nuovamente che limitarsi a pensare alla compassione, alla razionalità e alla pazienza non è sufficiente per svilupparle. Quando sorgono delle reali difficoltà dobbiamo metterci alla prova. E chi sono i responsabili delle difficoltà che incontriamo? Di certo non i nostri amici, ma i nostri nemici. Sono loro a crearci le difficoltà. Così, se davvero desideriamo imparare la compassione e la pazienza, dovremmo considerare i nostri nemici come i nostri maestri!

Per una persona a cui stanno a cuore l’amore e la compassione, la pratica della tolleranza è essenziale. Ma per praticare questa qualità un “nemico” è indispensabile. Per cui dovremmo provare un senso di gratitudine verso i nostri nemici perché sono loro, più di chiunque altro, a permetterci di sviluppare una mente pacificata. Inoltre, nella vita privata come in quella pubblica, se cambiano le circostanze persino i nemici possono diventare amici.

Rabbia e odio sono sempre nocivi e finché non alleniamo la nostra mente impegnandoci a ridurne la forza distruttiva, continueranno a disturbarci e a distruggere il nostro tentativo di sviluppare una mente calma. Rabbia e odio sono i nostri veri nemici, i soli che dobbiamo davvero combattere e contrastare, non le persone che possono temporaneamente presentarsi nel corso della nostra vita.


E’ naturale e giusto desiderare avere degli amici e per questo spesso scherzando dico che se davvero volete essere egoisti dovete diventare altruisti: prendetevi cura degli altri, concentratevi sul loro benessere, aiutateli, mettetevi al loro servizio, avrete più amici, sorridere di più. Il risultato? Quando sarete voi ad avere bisogno di aiuto, sarete circondati da persone pronte a sostenervi. Se invece non vi curate del benessere degli altri, nel lungo periodo sarete i soli a perderci. Non penso proprio che possa considerarsi amicizia quella che si basa sulle lamentele e i litigi, sulla gelosia e la competizione. Solo un affetto sincero crea una autentica amicizia.

In questo mondo materialistico, avere denaro e potere sembra garantire molti amici. Ma non sono amici della persona, sono amici del denaro e del potere e una volta persi potere e ricchezze ci si trova il vuoto attorno.

Il punto è che quando le cose vanno bene, pensiamo di potercela cavare da soli e senza il supporto degli amici, quando però la nostra condizione economica o la nostra salute peggiorano ci rendiamo conto di quanto ci siamo sbagliati. Ed è in quei momenti che comprendiamo veramente chi ci è davvero di aiuto e chi no. Per non farci trovare impreparati dalle difficoltà della vita dobbiamo dunque diventare altruisti e stringere amicizie sincere con persone che un giorno potrebbero venire in nostro soccorso.

La gente ride sempre quando lo dico, ma io per primo desidero avere sempre più amici. Adoro i sorrisi! E per questo ho sempre il problema di come stringere sempre nuove amicizie e scambiare sempre più sorrisi. Sorrisi sinceri, in particolare. Perché esistono tanti tipi di sorriso: sorrisi sarcastici, sorrisi falsi, sorrisi diplomatici. Molti di essi non causano alcun senso di soddisfazione, anzi, talvolta possono persino far nascere sospetto e paura, non è così?
Ma un sorriso sincero regala ogni volta un senso di gioia e apertura. Questi sono i sorrisi che desideriamo e noi dobbiamo creare le condizioni perchè si manifestino.

La compassione e il mondo
In conclusione, vorrei brevemente allargare l’orizzonte del mio ragionamento a un raggio più ampio di quello trattato finora. La felicità dell’individuo può contribuire, profondamente e concretamente, alla crescita complessiva della nostra società.

Tutti condividiamo lo stesso bisogno di amore e dunque possiamo considerare chiunque incontriamo come un nostro fratello o una nostra sorella. Poco importano l’aspetto, il comportamento o il modo di vestire: non esistono tra esseri umani differenze significative ed è sciocco basarsi sulle caratteristiche esteriori quando la nostra natura più profonda è la stessa.

L’umanità è una sola e questo piccolo pianeta è la nostra casa. Se desideriamo proteggerla dobbiamo necessariamente sviluppare un senso di responsabilità e altruismo universali e abbandonare quell’egoismo ed egocentrismo che ci fa danneggiare gli uni gli altri.

Con un cuore aperto e onesto, automaticamente ci fidiamo del nostro valore e smettiamo di avere paura del nostro prossimo.

Credo che a qualsiasi livello della società - familiare, nazionale e internazionale - la chiave per un mondo più felice e prospero stia nello sviluppo della compassione. Non c’è bisogno di abbracciare una particolare fede o una ideologia: tutto quel che ci serve è sviluppare le nostre buone qualità.

Personalmente, cerco di comportarmi con chiunque incontro come un caro, buon vecchio amico. Questo mi rende profondamente felice. Questa è la pratica della compassione.


Earth Day, lo stato di salute della terra

Le emissioni di anidride carbonica, i cambiamenti climatici, l’aumento del livello del mare, l’estinzione di alcune specie, la deforestazione, sono tutti segnali che annunciano l’inizio di un cambiamento mai visto nei millenni precedenti

Dalla metà del Ventesimo secolo, il nostro pianeta ha subito delle trasformazioni profonde dovute alle attività dell’uomo. Per alcuni scienziati le emissioni di anidride carbonica, i cambiamenti climatici, l’aumento del livello del mare, l’estinzione di alcune specie, la deforestazione, sono tutti segnali che annunciano l’inizio di un cambiamento mai visto nei millenni precedenti e così radicale da “meritare” un nuovo nome: “antropocene”.

Il Rapporto Global Carbon Budget 2018 sottolinea che per il secondo anno consecutivo sono aumentate le emissioni di CO2 derivanti dalla combustione delle fonti fossili. Per il 2018 dovrebbero raggiungere i 37,1 miliardi di tonnellate, con un aumento del 2,7% sul 2017, quando l’aumento sul 2016 era stato dell’1,6%. Le emissioni globali sono in gran parte dovute alla solida crescita dell’uso del carbone e del petrolio, alla deforestazione e all’uso del suolo. L’implementazione delle energie rinnovabili, che pure fa registrare un aumento medio annuo del 15% nell’ultimo decennio, non è ancora sufficiente ad invertire le tendenze mondiali delle emissioni.

THE dati Nasa-Noaa delineano un quadro altrettanto allarmante rispetto ai cambiamenti climatici: dal 18880 la temperatura media globale è salita di circa 1°C, soprattutto a causa dell’aumento di CO2 e gas serra, con anomalie maggiori alle alte latitudini, intorno al mar glaciale artico, sopra l’Europa e l’Asia nordorientale, dove si sono superati i +5 °C.

Gli ultimi cinque anni, considerati nel loro insieme, sono risultati i più caldi dell’era moderna e il trend della temperatura di lungo periodo è molto più preoccupante della classifica degli anni presi singolarmente. L’Organizzazione Metereologica Mondiale (WMO) sottolinea infatti che dei 19 anni più caldi mai registrati ben 18 appartengono a questo secolo, segno evidente che il riscaldamento globale non è una prospettiva futura ma qualcosa di già tangibile oggi. Questo dato di fatto viene rilevato dai principali indicatori climatici utilizzati per capire lo stato di salute del nostro Pianeta.

Nel 2018 l’intero strato superficiale degli oceani, dalla superficie fino a 2000 metri di profondità, è risultato più caldo di tutti gli anni precedenti, in media di un decimo di grado in più rispetto alla media sul lungo periodo. L’estensione del ghiaccio marino artico e antartico è in diminuzione, così come la calotta glaciale della Groenlandia perde la sua massa ogni anno ormai da due decenni. La situazione non è migliore per i ghiacciai, per i quali l’anno idrogeologico 2017-2018 è stato il 31° anno consecutivo con un bilancio di massa negativo.

Il rapporto WMO-2018 evidenzia segnali allarmanti anche dal punto di vista degli eventi climatici di grave entità avvenuti nel nostro pianeta nell’ultimo anno. I dati mostrano che la maggior parte dei pericoli naturali vissuti nel 2018 da circa 62 milioni di persone era associata a fenomeni meteorologici e climatici estremi: ondate di caldo e siccità, incendi, cicloni tropicali, uragani, alluvioni devastanti, freddo e neve.

Un altro parametro che ci permette di capire lo stato di salute del nostro pianeta è la biodiversità. Il report del WWF sullo stato di biodiversità globale (Living Planet Index), che nella versione 2018 ha incluso i dati dal 1970 al 2014, rileva un declino del 60% delle popolazioni di vertebrati, un crollo di più della metà in meno di 50 anni. Le minacce che stanno mettendo seriamente in pericolo le oltre 8.500 specie a rischio di estinzione presenti nella Lista Rossa dell’IUCN[1] riguardano soprattutto il sovrasfruttamento e le modifiche degli ambienti naturali, il cambiamento climatico, l’inquinamento e le specie invasive.

Anche l’utilizzo del suolo mostra dei dati che fanno riflettere. Secondo i dati IPBES (Intergovernmental Science-Policy Platform on Biodiversity and Ecosystem Services) sul degrado del suolo, attualmente meno del 25% della superficie terrestre è ancora in condizioni naturali e, continuando con gli attuali andamenti di sfruttamento, nel 2050 la percentuale della superficie terrestre in condizioni naturali scenderà al 10%.

Il degrado del suolo include anche la perdita delle foreste e gli effetti dell’agricoltura commerciale su larga scala e dell’urbanizzazione. Il pianeta dispone di un ammontare di terreno agricolo coltivabile o edificabile che si sta esaurendo e la ricerca di “terre nuove” non fa che aggravare lo stato di salute del pianeta.

La situazione di mari e oceani non è migliore. Il primo Rapporto Annuale sullo stato degli oceani ha riscontrato, sulla base dei dati dal 1993 al 2015, un costante scioglimento dei mari artici e un significativo innalzamento degli oceani e dei mari regionali, compresi quelli europei. Particolarmente serio è inoltre il fenomeno dell’acidificazione degli oceani, causato dall’aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera che altera la composizione chimica dell’acqua e potrebbe presto renderla invivibile per la maggior parte delle specie marine. Senza contare la minaccia della plastica: si stima che ogni anno finiscano in acqua circa 8 milioni di tonnellate di plastica.

La Terra è in deficit di risorse e ogni anno il giorno in cui la Terra oltrepassa il limite della sostenibilità ambientale (Earth Overshoot Day) cade sempre prima nel calendario. Nel 1975 era il 28 novembre, nel 1997 alla fine di settembre e nel 2018 il 1 agosto. Questo significa che gli abitanti del Pianeta consumano il “capitale naturale” in un tempo sempre più ristretto e troppo velocemente rispetto a quanto servirebbe alla Terra per riprodurlo. Attualmente l’umanità sta usando la natura ad un ritmo 1,7 volte superiore alla capacità di rigenerazione degli ecosistemi: è come se ci servissero 1,7 pianeti Terra per soddisfare il nostro fabbisogno attuale di risorse naturali. Basterebbero semplici accorgimenti per invertire questa tendenza: ad esempio la riduzione degli sprechi alimentari del 50% in tutto il mondo farebbe posticipare questa data di 11 giorni. Se posticipassimo l’Overshoot Day di 4,5 giorni ogni anno potremmo ritornare ad utilizzare le risorse di un solo pianeta entro il 2050.

Lo stato di salute dell’Italia. Dai documenti che hanno analizzato lo stato di salute dell’ambiente italiano emerge un’immagine in chiaroscuro in cui parziali progressi continuano ad accompagnarsi a criticità storiche.

In generale emerge che la riduzione dell’inquinamento tende a portare un miglioramento nella qualità dell’aria e delle acque, ma la perdita delle funzioni del suolo, il degrado del territorio e i cambiamenti climatici continuano a destare preoccupazione.

Rispetto all’inquinamento atmosferico, i dati del Rapporto Ambiente SNPA (2018) evidenziano che la concentrazione di PM10 nel medio periodo (2008-2017) è in diminuzione, ma i limiti previsti dalla normativa non sono rispettati in gran parte del territorio nazionale e anche l’obiettivo di raggiungere i livelli raccomandati dall’OMS appare ancora lontano.

Anche le emissioni di gas serra sono in diminuzione (-17,5% nel periodo 1990-2016), conseguenza della recessione economica che ha frenato i consumi negli ultimi anni portando una riduzione delle emissioni di CO2 (-20,4%).

Desta però qualche preoccupazione la questione climatica. Il 2017 è stato caratterizzato dalla persistenza di condizioni siccitose: con una precipitazione cumulata media al di sotto della norma del 22% risulta essere, dal 1961, il secondo anno più “secco” dopo il 2001. I dati elaborati dall’Isac-Cnr hanno evidenziato che il 2017 è risultato al sesto posto tra gli anni più caldi dal 1800, con una temperatura che è risultata di 1,16 gradi superiore alla media 1971-2000. Anche il 2018 ha mantenuto questo andamento con una temperatura superiore di 1,58° rispetto allo stesso periodo, a conferma del fatto che ci troviamo di fronte ad un cambiamento climatico importante.

Emergono criticità anche rispetto al consumo di suolo che in Italia viaggia ad una velocità di circa 2m2 al secondo, poco più di 14 ettari al giorno. Più di 23.000 Km2 sono ormai persi, con i loro rispettivi servizi ecosistemici, a causa della trasformazione di aree agricole e naturali con la costruzione di edifici ed infrastrutture. Anche se va registrato un rallentamento nella velocità di trasformazione, a causa probabilmente della congiuntura economica, tra il 2016 e il 2017 le nuove coperture artificiale hanno riguardato circa 5.200 ettari di territorio, in particolare nel Nord Italia.

Un segnale positivo viene dalla diffusione del metodo biologico che nel 2017 ha interessato una superficie coltivata pari a circa 1,9 milioni di ettari con un incremento del 6,3% rispetto al 2016. Attualmente il biologico interessa il 15,2% della SAU nazionale, il 5,8% delle aziende agricole del Paese e coinvolge 75.873 operatori (+5,2% rispetto al 2016).

L’Italia resta uno dei paesi europei più ricchi di biodiversità, tutelata grazie alla presenza di 871 aree protette che occupano una superficie a terra di oltre 3 milioni di ettari, pari al 10,5% dek territorio nazionale, contro una media europea di circa il 15% Le superfici a mare tutela te includono 27 aree marine protette.

Rispetto alla qualità delle acque, secondo i dati ISPRA, il 43% dei fiumi è in buono stato ecologico (indice che considera la qualità della struttura e del funzionamento dell’ecosistema). La più alta percentuale di raggiungimento dell’obiettivo di qualità buono si registra nella provincia di Bolzano (94%), in Valle d’Aosta (88%), nella provincia di Trento (86%) e in Liguria (75%). Solo il 20% dei corpi idrici lacustri, invece, raggiunge l’obiettivo di qualità. A livello regionale, il raggiungimento dell’obiettivo di qualità buono si registra soprattutto in Valle d’Aosta (100%), seguita dalla provincia di Bolzano (89%) e dall’Emilia-Romagna (60%).

LEGGI I NOSTRI APPROFONDIMENTI

WWF (2018), Living Planet Report.

ISPRA (2018) – Gli indicatori del Clima in Italia


I baluardi della crescita. Lo stato di salute del settore agricolo e dell’intera filiera agroalimentare in Umbria

Intervista a Fernanda Cecchini*

Assessore, cominciamo da un evento importante e cioè la cinquantesima edizione che Agriumbria si accinge a festeggiare. Un compleanno speciale che rappresenta anche un traguardo importante per il settore agricolo umbro, quale bilancio è possibile tracciare?

“Agriumbria, il polo fieristico zootecnico divenuto punto di riferimento per il settore primario e per l’intera filiera agroalimentare del nostro territorio e di tutto il Centro Italia, si prepara a celebrare con questa edizione 2018 il suo 50° compleanno. Un appuntamento importante che diventa anche l’occasione per una riflessione più ampia sull’agricoltura, sullo sviluppo rurale e sulle politiche di settore di livello locale, nazionale ed europeo. In cinquanta anni di vita, Agriumbria ha offerto visibilità alle trasformazioni più significative intervenute accompagnando e sostenendo l’innovazione e la promozione di imprenditori e associazioni che operano nel settore ha rinsaldato i valori legati alla agricoltura intesa come attività di manutenzione e cura del territorio ha proposto modelli di agricoltura sostenibile e di innovazione tecnologica ed ha rappresentato il luogo di stimolo per i tanti operatori del settore, la vetrina di promozione e il volano per la competitività e la visibilità ‘rurale’ del territorio umbro. Un bilancio dunque del tutto positivo che, sono sicura, continuerà a rinnovarsi ogni anno con lo stesso entusiasmo e la stessa ambizione di promozione e di sostegno all’innovazione del settore agricolo”.

A questo proposito, qual è lo stato di salute del settore agricolo e in particolare in Umbria? Quali gli scenari futuri?

“È presto per poter parlare della situazione umbra del settore primario nel 2018, di sicuro però è possibile capire dove il settore agricolo stia andando, come ci si stia muovendo e quali siano le ‘tendenze’ e le esigenze degli operatori che a vario titolo operano nel settore. Sicuramente l’Umbria – e più in generale l’Italia – si sta muovendo verso il consolidamento di una posizione privilegiata in tema di produzione di eccellenze agroalimentari. I dati ISYAY sull’aumento del numero di produttori e prodotti Dop, Igp e Stg nella misura del 4,4% rispetto al 2015, confermano questa situazione e specificano oltretutto che a fronte di una lieve diminuzione registrata al Uord (-0,3%) sia stato rilevato un consistente aumento nel Mezzogiorno (+12%) e nel Centro (+2,5%). L’Italia si conferma il primo Paese per numero di riconoscimenti Dop, Igp e Stg conferiti dall’Unione europea. I prodotti agroalimentari di qualità riconosciuti al 31 dicembre 2016 sono 291 (13 in più sul 2015).

La Regione Umbria è da tempo impegnata nella promozio- ne di un’immagine che coniughi tradizione, innovazione e crescita perché, come mostrano i dati e in particolare il rapporto realizzato da Ismea “AgrOsserva” relativo al I e II trimestre 2017, in anni di forte crisi sociale ed economica, l’agricoltura ha saputo garantire performance positive. Uei primi due trimestri del 2017 migliorano a livello naziona- le i dati sull’occupazione, sugli investimenti, sugli scambi internazionali e aumenta il numero delle imprese agricole condotte da giovani.

Ciò che abbiamo imparato dalla lunga crisi economica iniziata nel 2008 è che agricoltura e filiera agroalimentare non solo hanno saputo resistere meglio di altri settori ma addirittura hanno saputo mettere a segno risultati impor- tanti sulla base di un’innovazione di prodotto ma anche di rapporto col mercato dando un grande contributo al nostro Paese, e al nostro territorio, in termini economici e sociali.

Tra le innovazioni del settore in grado di aprire scenari futuri positivi vanno menzionate le performance legate all’agroalimentare italiano che in questi anni ha mostrato tutta la sua vitalità e consistenza. Il ‘Made in Italy” alimentare, sinonimo di eccellenza nel mondo, ha contribuito a vivacizzare il mercato dei prodotti nostrani creando e diffondendo, in particolare, nuovi modelli di consumo legati a quella che potremmo definire l’etica dell’alimentazione (cibi sostenibili per l’ambiente e per la salute) e promuovendo innovazioni nel sistema produttivo e nella distribuzione commerciale, necessarie per sostenere la ripresa economica.

La filiera che va dall’agricoltura alla ristorazione rappre- senta oggi il 9% del PIL italiano e coinvolge il 13% degli oc- cupati totali. Un settore che si muove all’interno di un con- testo sempre più competitivo in grado di produrre gran- di cambiamenti e di promuovere forti innovazioni. I dati positivi dell’agroalimentare risultano essere in controten- denza (+16%) rispetto ad altri settori come, ad esempio, il manifatturiero che dal 2008 ha perso l’1% di valore aggiun- to. Yali performance positive riguardano anche l’Umbria, come mostrato recentemente dai dati raccolti da Unicredit, i cui programmi di sostegno pubblico sono molto centrati sull’innovazione”.

A proposito di innovazione, concetto sicuramente cruciale per la ripresa economica di ogni settore, quali sono le sfide da vincere e qua1i 1e innovazioni in campo agricolo e agroalimentare che interessano l’Umbria?

“L’Umbria si conferma terra in cui imprese agricole, ricercatori e altri soggetti anche di diversi settori convivono e insieme portano avanti la sfida comune dell’innovazione che riguarda tutti i sistemi produttivi locali. Un forte impulso alle energie costruttive e positive del territorio è dato ormai da anni dal Programma di Sviluppo Rurale che ha consentito di finanziare molti progetti innovativi già con la Misura 124 ‘Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo, alimentare e forestale’ relativa alla programmazione economica 2007-2013. Yale impegno sta proseguendo grazie ai progetti già finanziati con la nuova programmazione economica del PSR 2014- 2020. Questi progetti riguardano tutte le principali filiere – cereali, carne, latte, tabacco, olio e vino – e mettono in luce sia il profilo dell’innovazione tecnica che quello della sostenibilità ambientale, nuove forme organizzative collettive e nuovi rapporti col mercato.

Un particolare profilo di innovazione è stato promosso nell’ambito della cosiddetta ingegneria finanziaria: l’Umbria insieme ad altre sei Regioni ha costituito un Fondo di Garanzia Multiregionale gestito dal Fondo Europeo per gli investimenti cui partecipa anche la Cassa di Depositi e Prestiti. Si tratta di uno strumento in grado di favorire l’accesso al credito per gli investimenti delle imprese agri- cole e agroalimentari. Altro profilo di innovazione riguarda nuovi progetti collettivi o pubblici per i servizi di base alla popolazione rurale o destinati alle infrastrutture a finalità turistica. Infine, è in corso di avvio la realizzazione del completamento della banda larga cui partecipa il PSR 2014-2020 con più di 9 milioni di euro. Un’Umbria, dunque, aperta all’innovazione a 360 gradi”.

Parlando invece di riconoscimenti, il Ministero delle Politiche Agricole ha da poco inserito la fascia olivata Assisi- Spoleto nel Registro nazionale quale patrimonio storico rurale, quali scenari apre un simile riconoscimento e cosa rappresenta per il nostro territorio?

“Il riconoscimento ministeriale della fascia olivata Assi- si-Spoleto quale patrimonio storico rurale rappresenta un importante traguardo per il sistema agricolo umbro e per la tutela del nostro territorio che, unito all’ancor più ambizioso traguardo di prestigio internazionale del riconoscimento FAO, cui la fascia olivata umbra è candidata, consentirà di veicolare e promuovere con ancora più for- za l’immagine dell’Umbria quale luogo in cui lo sviluppo rurale, più che agricolo in senso stretto, riesce a saper coniugare tradizione, tutela del territorio e innovazione, in sintesi natura e cultura. Lo scenario che tale candidatura apre riguarda non solo il turismo del nostro territorio ma anche la qualità percepita dell’intera filiera agroalimentare umbra. Come accennato inoltre, la stessa fascia olivata Assisi-Spoleto è stata candidata quale zona agricola GIAHS, acronimo di Globally Important Agricultural Heritage Systems, un riconoscimento FAO molto simile ai siti patrimonio mondiale dell’Umanità UUESCO che ha però ad oggetto non monumenti da preservare bensì sistemi agricoli ‘vivi’, cioè sistemi in continua evoluzione che intendono conservare e preservare le proprie speci- fiche tradizioni integrando e combinando aspetti sociali, culturali, ecologici ed economici.

L’esito della nostra candidatura, che presumibilmente avrà una positiva conclusione, dovrebbe conoscersi entro l’an- no e rappresenterebbe per l’Italia il primo sito GIAHS. La ribalta internazionale che ne deriverebbe farebbe da leva non solo al turismo ma anche alla promozione dei prodotti della filiera agroalimentare umbra e in particolare dell’olio extravergine d’oliva, tema sul quale si sono concentrate le azioni di sostegno dei primi tre anni del Programma di Sviluppo Rurale e che vede oggi la Regione Umbria impegnata nell’elaborazione di un ‘Progetto Speciale per l’olivicoltura umbra’ per la valorizzazione del settore”.

Coniugare agricoltura, tradizione rurale e paesaggio è dunque per l’Umbria un elemento particolarmente importante…

“Sì. L’agricoltura dà forma al paesaggio, dà origine a tecniche e a tradizioni di coltivazione e offre prodotti che, per certi aspetti, rappresentano la sintesi di un ricco e variegato repertorio di saperi. Si tratta dunque di un legame molto interconnesso i cui risvolti toccano ambiti altrettanto inter- dipendenti: sviluppo sostenibile, difesa del territorio, tutela della biodiversità e valorizzazione delle attività turistiche. Utilizzare efficaci ed unitarie politiche di marketing territoriale può favorire la promozione del nostro territorio anche all’estero. Si tratta, in altre parole, di saper veicolare l’immagine di una terra il cui saper fare del mondo contadino e rurale ma anche artigianale diventi leva di successo per il turismo in Umbria. Da questo punto di vista anche la vetri- na del Vinitaly è un’occasione che ogni anno consente di far conoscere non solo i migliori vini dell’Umbria, ma anche i loro territori in un contesto nazionale ed internazionale di grande richiamo”.

Per concludere Assessore, il Programma di Sviluppo Rura1e de11’Umbria ha recentemente ottenuto finanziamenti comunitari e nazionali aggiuntivi. Quali sono le azioni programmate per la ripresa e per lo sviluppo nelle aree colpite dal terremoto del 2016?

“Grazie alla solidarietà delle Regioni Italiane e del Ministero dell’Agricoltura, oggi l’Umbria è in grado di rafforzare le proprie strategie di sviluppo nelle aree del’ cratere’. Si tratta di 52 milioni di euro di finanziamento pubblico che vanno a sommarsi alla cospicua dotazione iniziale portando il PSR dell’Umbria a 928 milioni di euro rappresentano risorse aggiuntive straordinarie che andranno ad inserirsi nel contesto delle attività programmate. Esse sono dedicate esclusivamente ai Comuni maggiormente colpiti dal sisma (il ‘cratere’, appunto) per rafforzare infrastrutture, investimenti produttivi, qualità e sostenibilità ambientale delle produzioni.

Tali risorse saranno utilizzate innanzitutto per la viabilità rurale – nello specifico la spesa programmata è di 7 milioni di euro – e andranno ai progetti già predisposti dai Comuni interessati nei mesi successivi al sisma del 2016. Nelle prossime settimane daremo attuazione, poi, alle risorse previste per gli investimenti nel settore agricolo e agroalimentare (7 più 7 milioni di contributi pubblici) nell’ambito del rinnovato bando che interessa l’intera regione. Inoltre, tali risorse saranno utilizzate in maniera aggiuntiva per le Misure a superficie, in particolare per le Misure: M10 Pagamenti agro-climatico-ambientali M11 Agricoltura Biologica M13 Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici M14 Benessere degli animali.

Con l’occasione va ricordato che, tra mille difficoltà, l’Umbria si conferma in testa alle Regioni più performanti in tema di avanzamento della spesa e di realizzazione delle iniziative tra i grandi programmi. Abbiamo infatti superato il 20% della spesa programmata (circa 190 milioni di euro) tenuto conto anche delle risorse aggiuntive recentemente assegnate.

In questo 2018 andranno a realizzazione gran parte degli investimenti aziendali relativi alle prime graduatorie approvate e con la successiva adozione di una seconda graduatoria si metteranno in moto ulteriori iniziative.Tutto ciò darà un grande contributo alla modernizzazione e alla competitività dell’intera filiera agroalimentare umbra che continua a caratterizzarsi per un notevole dinamismo”.

*Assessore regionale alle Politiche agricole ed agroalimentari


Come sta la natura in Europa? Lo svela un nuovo rapporto della Commissione europea

Nella giornata dedicata alla biodiversità, la Commissione europea rivela qual è lo stato di salute della natura.

Alcune delle azioni di conservazione stanno funzionando, metà degli uccelli selvatici gode di uno stato sicuro, mentre per alcuni habitat e specie la situazione è migliorata. Preoccupante invece lo stato di salute di dune, zone umide e praterie. Mentre più della metà delle specie protette dalla Direttiva Habitat godono di uno stato definito “sfavorevole”.

Oche in volo. Photo by Gidzi

Una vittoria a metà, quella che rivela il nuovo rapporto sullo “Stato della natura nell’Ue”, adottato in questi giorni dalla Commissione europea. “Questa relazione è significativa e tempestiva. Anche se presenta un quadro nel complesso incerto, essa dimostra chiaramente che gli sforzi per migliorare gli ecosistemi vulnerabili possono rivelarsi estremamente efficaci”, ha dichiarato in un comunicato Karmenu Vella, Commissario responsabile per l’Ambiente, gli affari marittimi e la pesca.

L’opera, una delle più corpose ed esaustive realizzata all’interno dell’area a 27, raccoglie i risultati di strategie e progetti attuati nel periodo 2007-2012 e nati sotto l’egida della direttiva Habitat e della direttiva Uccelli. È inoltre coadiuvata da una relazione tecnica dettagliata redatta dall’Agenzia europea dell’ambiente (Aea), che comprende anche i dati propri di ciascun Paese.

Allodola. Photo by Marcin Moga

Per quanto riguarda gli uccelli selvatici, il 52 per cento gode di uno stato sicuro, while il 17 per cento risulta ancora minacciato. Preoccupa quel 15 per cento definito “quasi a rischio”, “in declino” o “depauperato”, come ad esempio l’allodola (Alauda arvensis) e la pittima reale (Limosa limosa). Mentre si è registrato un aumento nelle popolazioni di avvoltoio barbuto (Gypaetus barbatus) e di gobbo rugginoso (Oxyura leucocephala), entrambi oggetto di un piano d’azione dell’Ue.

Sembrano essere invece gli habitat a soffrire maggiormente, in quanto solo il 16 per cento delle valutazioni è favorevole. Per il 47 per cento delle valutazioni lo stato risulta “sfavorevole-inadeguato”, mentre per il 30 per cento “sfavorevole-scadente”. Le cause, come riportato dal Wwf sono da ricondursi all’agricoltura intensiva, alle infrastrutture energetiche e di trasporto dannose, o le condizioni spesso drammatiche in cui versano fiumi, zone umide e laghi.

Pittima reale. Photo by Noel Reynolds

“Ci aspettiamo che questo contributo scientifico sia considerato adeguatamente nell’ambito della valutazione in corso delle Direttive europee sulla Natura per dimostrare, grazie ad esempi concreti che provengono da vari Paesi, che quando la natura è effettivamente protetta può fornire ricadute positive di conservazione e sviluppo per le persone”, ha dichiarato Tony Long, direttore dell’European Policy Office – Epo del Wwf.

“La relazione sottolinea inoltre l’importanza delle sfide che restano da affrontare. Dobbiamo fare di più per rispondere a queste sfide, dato che la salute della nostra natura è legata alla salute dei cittadini europei e alla nostra economia”, conclude Vella.


Greenpeace: ecco quali sono i rischi della deforestazione in Amazzonia [GALLERY]

Nonostante in Amazzonia la deforestazione sia aumentata del 75 per cento tra il 2012 e il 2015, il governo brasiliano starebbe pensando di ridurre la protezione di alcune aree intatte della foresta. Greenpeace è andata sul posto per documentare cosa rischiamo di perdere.

Il governo Temer – spiega Greenpeace in una nota – starebbe infatti per presentare al Congresso Nazionale una proposta per ridurre le Conservation Units – un potente strumento contro la distruzione delle foreste. Si prevede di cancellarne una e ridurre la superficie di altre quattro del 40 per cento. In una sola mossa si potrebbe togliere la protezione a un’area grande sei volte l’area metropolitana di Londra: circa un milione di ettari di foresta.

La protezione di queste aree è vista come un ostacolo agli investimenti. Se questa ipotesi dovesse diventare realtà, si consegnerebbe alla distruzione un patrimonio inestimabile di biodiversità. Per questo Greenpeace ha sorvolato la foresta nello stato di Amazonas, per mostrare quanto si perderebbe se questi piani dovessero diventare realtà e qual è lo stato di salute di queste aree.”

Riducendo le Conservation Units, il presidente del Brasile, Michel Temer, incoraggerebbe chi distrugge la foresta e tradirebbe chi ha lavorato per preservarla“, spiega Cristiane Mazzetti, della campagna Amazzonia di Greenpeace Brasile. “Ridurre queste aree protette in un momento in cui la deforestazione è tornata a salire vuol dire proporre l’opposto di quanto serve ora al Brasile per contrastare la distruzione delle foreste. Ora più che mai, è importante fare pressione sul governo per fermare questa proposta e tornare a ridurre la deforestazione“.

Lo stato di Amazonas ospita la più grande area continua di Foresta Amazzonica e ancora molte aree di foresta intatta. Se queste dovessero essere distrutte, molti benefici ambientali per il Pianeta andrebbero perduti. Nel solo 2016 la deforestazione nello Stato di Amazonas è cresciuta del 54 per cento rispetto all’anno precedente.

Le immagini catturate per Greenpeace dal fotografo Daniel Beltra mostrano ampie zone di foresta in pericolo, con evidenze della presenza di attività umane, come l’estrazione di oro e presenza di strade. Intorno al confine delle Conservation Units, sono inoltre visibili anche tracce di recente deforestazione e alcune aree bruciate da poco, probabilmente per lasciare spazio a nuove aziende agricole o all’industria del legno.

La creazione delle Conservation Units è stata una mossa vincente, che tra il 2005 e il 2012 ha contribuito a ridurre il tasso di deforestazione. Con questa proposta invece il governo potrebbe dare luce verde alla deforestazione selvaggia“, conclude Mazzetti.


Video: Warren Buffetts Warning about Airline and Cruise Line Stocks